Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

“I racconti dell’Amore”, il resoconto di Silvia Scerrino

“I racconti dell’Amore”, il resoconto di Silvia Scerrino

Riceviamo e pubblichiamo il resoconto che Silvia Scerrino ha scritto in seguito all‘incontro che il movimento Andiamo Oltre ha organizzato presso l’atrio della Badia con Pierpaolo Occorso, Vito Restivo e Padre Lorenzo Marzullo, figure di grande esempio quando si parla di impegno sociale.

Quante volte avremmo voluto spiegare l’amore e non abbiamo trovato le parole? Perché travolti da una passione, smarriti in mille sensazioni e increduli della enormità di ciò che stava succedendo, ci siamo abbandonati alla nostra umanità, in religioso silenzio. Ecco cosa è accaduto sabato, quando abbiamo incontrato tre Uomini, tre testimoni di vita, tre migranti nel mondo: abbiamo ascoltato l’Amore.

Pierpaolo Occorso, Vito Restivo, Padre Lorenzo Marzullo hanno reso il racconto dell’Amore un percorso di lettura della contemporaneità, hanno rivendicato, ciascuno con la propria esperienza e con il proprio linguaggio, la necessità di un cambiamento: mutare lo sguardo, trasformare i desideri, virare il proprio cammino è la testimonianza delle scelte di questi tre uomini, il dono che hanno voluto offrire al pubblico che li ascoltava nell’atrio della Badia. Ognuno di essi ha dedicato la propria vita ad una parte del mondo diseredata, sfruttata, emarginata: ciascuno di essi ci ha restituito di quelle parti del mondo una realtà molto distante dalle fosche tinte che giustificano l’oppressione o, all’opposto, dalle cartoline per turisti inebetiti da una natura dirompente. Perché loro in quelle terre lontane, in Chiapas o in Congo, in Ecuador o in Sierra Leone, hanno scelto di vivere con e per le persone che in quelle terre sono nate e ne vivono il respiro più profondo e sacro.

Pierpaolo, Vito e Padre Lorenzo probabilmente non resteranno nella storia, ma certamente la Storia la fanno con il loro impegno e con il loro coraggio: come quelle migliaia di donne e uomini che incontrano nel loro fare quotidiano e di cui ci hanno raccontato l’indipendenza e l’originalità di pensiero e di azione, la forza della resistenza e la fermezza del rifiuto, il bisogno di libertà e il dolore, l’atroce dolore, inferto dagli interessi economici di mondi ormai ottusi dal profitto tanto quanto lontani anni luce dalla tenerezza.

Ieri pomeriggio abbiamo ascoltato le devastazioni, prima di tutto degli animi, inferte dalle multinazionali, dalle logiche colonialiste, dalla politica terzomondista, dall’ideologia caritatevole: ma abbiamo ascoltato anche chi costruisce pozzi dove non c’è acqua, chi costruisce ponti dove non c’è pace, chi costruisce ospedali dove non c’è speranza. Ieri Pomeriggio Abbiamo sentito la vergogna di essere “bianchi”. Abbiamo sentito la vergogna di non comprendere, o forse di non voler comprendere, cosa davvero sta avvenendo nel Mediterraneo.

Pierpaolo, Vito e Padre Lorenzo non hanno predicato per chi li ascoltava: hanno condiviso con noi le loro smodate passioni, hanno ripercorso decenni di storia, tra rivoluzioni, repressioni, occupazioni, virus letali, dittature e rinascite, tra senso sacro della natura e Teologia della Liberazione, tra politica sterile e senso inestimabile di comunità, tra stati canaglia e tribù di indigeni, tra ricchi che non sanno quanto sono poveri e poveri felici della loro ricchezza. Ha ragione Vito quando ci esorta a privarci della materialità più superflua. Ha ragione Padre Lorenzo: quei paesi che per molti sono “la fine del mondo” presto diventeranno l’inizio di un nuovo mondo. Probabilmente migliore di questo che viviamo. Ed ha ragione Pierpaolo, quando ci ricorda che tra il diritto pubblico e il diritto privato esiste una terza dimensione possibile del vivere sociale: ciò che è “comune”. E avremo ragione noi, che Andiamo Oltre, perchè metteremo al centro del nostro fare Politica l’inclusione e la partecipazione, il migrante e la solidarietà, la libertà e la solidarietà, consapevoli della sfida che dobbiamo affrontare ma forti del coinvolgimento della Comunità nelle scelte da fare per il futuro di Castelbuono. Con Amore.

silvia scerrino



This post first appeared on Castelbuono .Org – Fatti E Opinioni Del Tutto Castelbuonesi., please read the originial post: here

Share the post

“I racconti dell’Amore”, il resoconto di Silvia Scerrino

×

Subscribe to Castelbuono .org – Fatti E Opinioni Del Tutto Castelbuonesi.

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×