Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Episodio speciale: 22 novembre 1963 (30/50)

cc_2Per una settimana ci prendiamo una pausa dall’attualità, e non è detto che non ci faccia bene: nella politica statunitense è stata soprattutto una settimana di grandi scontri e minacce verbali – Trump contro Kim Jong-un, Trump contro i giornalisti, Trump contro il capo dei Repubblicani al Senato – che difficilmente porteranno a sviluppi immediati e concreti, che non sono niente di nuovo rispetto a quello che abbiamo già visto in questi mesi e che stanno avvenendo mentre il presidente degli Stati Uniti è in vacanza: non il posto da cui si gestiscono le crisi che contano.

La puntata del podcast di oggi invece è diversa da tutte le altre. Racconta quella che è stata sicuramente la giornata più traumatica e incredibile della storia politica statunitense del Novecento, i cui luoghi ho visitato durante il mio viaggio di giugno in Texas. È una storia che pensiamo di conoscere a memoria, e invece molti di noi ne sanno pochissimo: soprattutto di tutti i dettagli che ne fanno un romanzo e di quelle cose che ancora non conosciamo. È soprattutto una storia di persone – con grandi qualità, altrettanto grandi debolezze, personalità complesse, precedenti che le condizionano, e incarichi più onerosi di quanto chiunque sia in grado di sopportare – e mi sembra che anche questo sia un bel promemoria, di questi tempi. Tendiamo a vedere i personaggi politici come figure distanti, artificiali, come dei cartonati: sia quelli contemporanei che quelli del passato, sia quelli che ci piacciono che quelli che non ci piacciono, soprattutto quelli attorno a cui si crea una qualche forma di mito. Invece la politica, a tutti i livelli, è fatta da persone.

Per ascoltare la nuova puntata del podcast, se avete un iPhone cercate “Da Costa a Costa” nell’app “Podcast”; altrimenti cliccate play qui sotto per ascoltarla su Spreaker. Se volete, dopo aver ascoltato la puntata lasciate una recensione su iTunes e parlatene sui social network o a chi pensate possa essere interessato a queste storie come voi. Sul sito di Piano P trovate la traduzione in italiano delle parti in inglese.

Ascolta “S2E15. Episodio speciale: 22 novembre 1963″ su Spreaker.

Fun fact. Ho lavorato a questo episodio speciale dal momento in cui sono tornato dal Texas. Pensavo che non avrei rischiato sorprese dell’ultimo minuto, come capita invece sempre con Trump: è una storia del 1963. Insomma, è quella che nel gergo giornalistico si definisce una storia “fredda”; ma che dico fredda, freddissima; ma che dico freddissima, surgelata. Poi qualche giorno fa, giovedì 3 agosto, a episodio speciale praticamente pronto, scritto, montato, chiuso, ricevo questa notifica sul cellulare.

e658d80d-cbcf-4e49-87ce-f763f0ee5c92

Non era niente di che, per fortuna: i nuovi documenti confermano cose che sapevamo già e che racconto nella parte finale dell’episodio. Ma per un po’ ho sudato freddo e ho pensato di avere qualche strano potere magico.

Detto questo, solito promemoria.

Avete ricevuto questo podcast gratis, come la newsletter si alterna al podcast ogni sabato, ma come avete capito realizzarli non è gratis: servono aerei, macchine, camere d’albergo, attrezzature, telefonate, connessioni internet, abbonamenti a servizi e giornali, e serve soprattutto tempo e lavoro. Dopo un anno e mezzo a seguire la campagna elettorale, “Da Costa a Costa” è ripartito il 21 gennaio e andrà avanti per tutto il 2017: ogni sabato si alterneranno una puntata della newsletter e una puntata del podcast. Dopo il Michigan e il Texas vorrei tornare un’altra volta Negli Stati Uniti prima della fine dell’anno, per raccontarvi un altro pezzo di America, per cercare di capire come sta cambiando e perché ha scelto Donald Trump come suo presidente.

Se non lo avete già fatto – e centinaia di voi lo hanno già fatto: grazie di cuore! – vi chiedo quindi di valutare la possibilità di fare una donazione ricorrente da pochi euro al mese per pagare le spese di questo progetto e il mio lavoro. Due euro al mese vanno benissimo (a questo punto sono meno di 15 euro per tutto il 2017) ma se vorrete essere più generosi non ve lo impedirò, così come se vorrete fare una donazione una tantum e togliervi il pensiero. Più fondi raccoglierò, più cose potrò vedere negli Stati Uniti e più cose potrò raccontarvi come ho fatto fin qui. Se vi interessa, qui trovate le istruzioni per fare una donazione in completa sicurezza, usando la vostra carta di credito o il vostro conto Paypal. Grazie, come sempre. Ciao!

Per ricevere le prossime newsletter, ogni sabato fino alla fine dell’anno, clicca qui.



This post first appeared on Francesco Costa | Il Post, please read the originial post: here

Share the post

Episodio speciale: 22 novembre 1963 (30/50)

×

Subscribe to Francesco Costa | Il Post

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×