Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Parità uomo donna

Tags: uomo donne donna

Nel 2018 secondo voi esiste davvero la parità tra uomo e donna? Oggi mi sono lasciata ispirare da un vecchio articolo di “Gioia” dedicato proprio a questo…

Ebbene si, l’argomento di oggi è questo care lettrici di Selfiemadegirl…

Sembra che l’uomo si sia evoluto e che sia alla pari della donna: cucina, cambia i pannolini, si mette in posa nelle foto con i neonati in braccio, osserva i figli nella pancia delle mogli quando fanno l’ecografia…

Meraviglia delle meraviglie sembra che abbia anche imparato a cucinare! Prepara il cibo per se stesso e per gli altri, ora fanno anche la spesa, hanno cominciato a prendersi cura della casa considerandola “un nido piuttosto che una caverna”…

Dopo 50.mila anni di esistenza limitata, l’uomo ha scoperto che può prendersi cura di se, che è una persona senziente, e anche a stare nell’ombra …Pensiamo ai politici del mondo intero, molte Donne hanno i riflettori puntati su, oggi la gestione degli affari non è più una prerogativa solo maschile…

Sicuramente non deve essere stato facile per l’uomo adeguarsi alla parità, piuttosto ha lasciato che certe vittorie del mondo femminile arrivassero da sé, gli uomini ora sono un’altra specie rispetto a prima …Fragili e forti allo stesso tempo. Sono uomini che sanno farsi il caffè, possono piangere, cantare la ninna nanna, insomma non esistono più luoghi comuni e banalità di una volta…

Per l’uomo la parità rappresenta una realtà più difficile da vivere perché deve essere capace di mantenere intatta la sua forza, lasciando alla Donna il tempo e lo spazio per competere con lui, alla pari appunto!

Stiamo parlando di un uomo in grado di essere gestito “a chiamata”…Un uomo capace di capire quando è ora di esserci e quando è meglio lasciare visibilità alla donna…

In conclusione, la vera sfida per la donna ora consisterà nell’accettare che cose prettamente riguardanti l’universo femminile possano essere eseguite allo stesso modo se non meglio dall’universo maschile…”Il mammo”…Il “casalinguo”…”Il badante”…

Voi cosa ne pensate care amiche di Selfiemadegirl siete d’accordo con me?

E’ cosi o stiamo esagerando?

Prendendo spunto da un articolo del Sole 24, abbiamo scoperto che in Islanda… La parità di stipendio tra uomo e donna è legge: aziende e uffici pubblici con più di 25 dipendenti devono dimostrare che le donne sono pagate quanto i loro colleghi, è prevista un’ammenda per chi non rispetta questa norma! I diritti umani sono diritti uguali per tutti.

Occorre ricordare che l’Islanda non è nuova a misure che promuovano l’uguaglianza tra uomo e donna tanto che negli ultimi nove anni è stata al primo posto del Global Gender Gap Report stilato annualmente dal World Economic Forum.

In particolare il report sottolinea come il Paese sia il top performer in fatto di partecipazione politica ed economica delle donne. Pensate che ill Paese aveva già, da diverse decadi, una legge che prevedeva la parità salariale fra uomini e donne, ma essendo sopravvissuto il gap nel tempo sono comunque intervenuti…

 E la situazione italiana ?

La differenza salariale tra uomini e donne è un problema comune a tutti i Paesi, dagli Stati Uniti, dove le donne guadagnano in media 83 cents ogni dollaro guadagnato da un uomo, all’Italia, dove la differenza di retribuzione è stimata attorno al 12,7 per cento.

In Italia, naturalmente, la legge prevede la parità retributiva fra uomini e donne. Non solo. Nel nostro Paese è in vigore anche l’articolo 46 del Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 (ex art. 9 L. 125/91), (modificato dal D. Legislativo 25 gennaio 2010 n. 5 in attuazione della direttiva 2006/54/CE relativa al principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione). Articolo che prevede che «Le aziende pubbliche e private che occupano oltre cento dipendenti sono tenute a redigere un rapporto almeno ogni due anni sulla situazione del personale maschile e femminile in ognuna delle professioni e in relazione allo stato di assunzioni, della formazione, della promozione professionale, dei livelli, dei passaggi di categoria o di qualifica, di altri fenomeni di mobilità, dell’intervento della Cassa integrazione guadagni, dei licenziamenti, dei prepensionamenti e pensionamenti, della retribuzione effettivamente corrisposta».

L’Islanda, quindi, non ha inventato nulla di nuovo, quello che fa la differenza è “solo” trovare il modo di  applicare le norme una volta che sono state approvate dal Parlamento…Un gioco da ragazzi, no?

Che ne pensate amici di Selfiemadegirl? Le cose continueranno ad andare come sono sempre state o qualcosa cambierà? Chissà…

The post Parità uomo donna appeared first on Selfie Made Girl.



This post first appeared on Selfie Made Girl, please read the originial post: here

Share the post

Parità uomo donna

×

Subscribe to Selfie Made Girl

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×