Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

“L’ultima stanza… Non è l’ultima.”

Sanremo2016 ospitando ieri sera Ezio Bosso ha mandato in onda qualcosa di speciale, dieci minuti che da soli possono valere il costo del biglietto per entrare all’Ariston o il doversi sciroppare l’intera serata seduti sul divano.
Una presenza quella del maestro Bosso che credo abbia insegnato a molti come un uomo diverso, nonostante la sua diversità o grazie ad essa possa esprimere intelligenza e profondità attraverso un mix di meraviglia e bellezza.
La musica ci insegna la cosa più importante: ad ascoltare e ad ascoltarci l’un l’altro.
Ha presentato un brano del suo doppio cd “The 12th Room” che trae spunto da una teoria antica che spiega come la vita sia composta da 12 stanze, quelle in cui lasciamo qualcosa di noi.
La prima stanza, quella della nostra nascita, però riusciremo a ricordarla solo quando raggiungeremo l’ultima, ma l’ultima stanza…non è l’ultima e si può quindi ricominciare!
Ma di quanti altri Ezio Bosso è piena la nostra vita di tutti i giorni?
Dove abitiamo, a scuola, in ospedale, sugli autobus o quando appoggiamo per un attimo la nostra auto sul loro parcheggio riservato!
Ascoltiamoli, sempre!

cliccare sulla foto sopra per vedere il video della sua presenza a Sanremo2016




This post first appeared on Giuseppe Genta Blog – Un Giornalista In Viaggio Che Non Sopporta Gli Ombrelli, please read the originial post: here

Share the post

“L’ultima stanza… Non è l’ultima.”

×

Subscribe to Giuseppe Genta Blog – Un Giornalista In Viaggio Che Non Sopporta Gli Ombrelli

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×