Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Nero, che più nero non si può

TEO CULTURA

C’è un artista inglese, ma di origini indiane, di nome Anish Kapoor, che ha acquistato i diritti, se così si può dire, di un colore particolare, tanto da essere l’unico a poterlo utilizzare.

Si chiama Vantablack ed è il nero più nero del mondo.

Nello specifico è un prodotto in nanotubi di carbonio che ha la particolarità di assorbire quasi tutta la luce visibile, circa il 99,9%, tanto da creare un effetto straniante, in grado di far scomparire intere porzioni di realtà.

In pratica i nanotubi, intrappolando la luce, dissolvono i contorni e formano macchie scure e piatte, regalando una sorta di bidimensionalità all’oggetto o soggetto che si vuole dipingere.

E’ stato “congegnato” dalla Surrey NanoSystems, una società britannica, che però l’aveva creato per scopi militari.

Non si sa per quale cifra, Kapoor ne ha acquistato i diritti, ma la sua scelta è stata fortemente criticata dai colleghi, che l’hanno tacciato di anti-democrazia, sollevando così un vero e proprio polverone nel mondo dell’arte.

Ora non si sa bene se l’investimento (di altro non si può parlare) di Kapoor si tramuterà in una rivoluzione artistica, ma certo è che l’artista ha lanciato una bella e intrigante sfida ai suoi compagni di lavoro.

Vivo a braccio, curvo a gomito.

Teo

Fonte: http://www.focus.it/cultura/arte/il-nero-piu-nero-del-mondo-e-ora-unesclusiva

L'articolo Nero, che più nero non si può sembra essere il primo su WhatsIN.



This post first appeared on Home | WhatsIN, please read the originial post: here

Share the post

Nero, che più nero non si può

×

Subscribe to Home | Whatsin

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×