Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

“Lo Stato parallelo”, il libro inchiesta sull’Eni a cura di Giuseppe Oddo e Andrea Greco

[repubblica.it] MILANO – L’Eni è uno Stato nello Stato, e l’inchiesta “Lo Stato parallelo”, scritta in oltre cinque anni dai giornalisti Andrea Greco e Giuseppe Oddo per Chiarelettere, ricostruisce il ruolo della maggiore azienda nazionale – quasi 50 miliardi di capitalizzazione in Borsa – nell’economia e nella geopolitica dell’Italia. Non solo all’estero: anche nei rapporti con i servizi segreti, nel finanziamento a partiti e potentati locali, nelle finanza pubblica e nelle politiche occupazionali. Il suo amministratore delegato vale più del ministro degli esteri, sul suo tavolo passano affari miliardari, alleanze internazionali, questioni di sicurezza fondamentali. E’ da sempre uno dei primi editori e inserzionisti del sistema dell’informazione, ruolo che negli anni passati rese l’Eni una vera “fabbrica del consenso”.

I più grandi scandali e casi di corruzione nella storia italiana sono nati qui, dall’Ente che più volte con le sue strategie energetiche corsare, prima filoarabe poi filorusse, ha messo alla prova i rapporti dell’Italia con l’Occidente; ma al contempo ha anche trovato una via alle forniture di petrolio e di gas per l’Italia. Il suo fondatore Mattei è morto in circostanze misteriose, un ex presidente (Gabriele Cagliari), s’è suicidato in carcere per Tangentopoli (inchiesta che ha decimato le prime linee dell’Eni, e come documenta il libro si è molto avvalsa delle investigazioni del “comitato di crisi interno” costituito sotto la gestione di Franco Bernabé), gli ultimi due capiazienda Paolo Scaroni e Claudio Descalzi sono indagati per corruzione internazionale in Nigeria.

Il libro ha raccolto le testimonianze di un centinaio di ex funzionari, addetti ai lavori, politici, studiosi, spulciando bilanci e documenti anche inediti. Ne è nato un racconto corale ricchissimo dell’Italia dal Dopoguerra al governo di Matteo Renzi: dalla Dc di Fanfani alle aperture di Moro alle giravolte di Berlusconi, in asse con Scaroni e grande alleato di Putin. Fino alla dolorosa ristrutturazione cui è chiamato Descalzi, il dirigente petroliere venuto dall’Agip che deve far quadrare i conti aziendali – nel 2015 chiusi in rosso per 8,8 miliardi, non accadeva da un ventennio – per il calo del barile da oltre 100 dollari a poco più di 30 in solo un anno. In gioco ci sono l’indipendenza dell’Eni e degli approvvigionamenti energetici nostrani, e una corsa a diversificare le fonti che potrebbe sconvolgere gli assetti del Mediterraneo: facendo dell’Eni e dell’Italia dei possibili leader regionali oppure relegandoli entrambi ai margini di ruoli e partite che davvero contano.



This post first appeared on Castelbuono .Org – Fatti E Opinioni Del Tutto Castelbuonesi., please read the originial post: here

Share the post

“Lo Stato parallelo”, il libro inchiesta sull’Eni a cura di Giuseppe Oddo e Andrea Greco

×

Subscribe to Castelbuono .org – Fatti E Opinioni Del Tutto Castelbuonesi.

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×