Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Droga vegetale: la parte utilizzata delle piante medicinali

Per Droga Vegetale si intende la parte della pianta medicinale impiegata a scopi terapeutici, ma la definizione può comprendere anche più parti della stessa pianta.

Tutte le parti di una pianta possono essere utilizzate a fini terapeutici ed ogni parte ha un nome specifico il cui significato deve essere ben conosciuto da chi vuole fare uso Delle Piante Medicinali.

Una droga vegetale può essere costituita dalle radici, dal fusto, dalla corteccia, dalle foglie, dal fiore, dal frutto.

Le radici sono l’insieme delle parti sotterranee di una pianta e si distinguono in radici propriamente dette, che sono costituite dall’asse principale della pianta, che cresce verso il basso ed è priva di brattee (foglie modificate) e di nodi;  in rizomi, che sono fusti sotterranei capaci di emettere radichette (piccole radici) e germogli aerei, e presentano nodi ed internodi; in bulbi, che sono organi sotterranei costituiti da rigonfiamenti dell’asse principale della pianta; in tuberi, che sono organi sotterranei ispessiti.

Il fusto, o caule, è l’asse generalmente aereo non sotterraneo di una pianta che porta espansioni laterali, cioè i rami ed i ramoscelli.

La corteccia è la porzione esterna e superficiale del fusto. E’ presente nei rami e nelle radici.

Le foglie sono espansioni laterali del fusto e dei suoi rami; la loro funzione biologica è quella di sintetizzare le sostanze organiche attraverso la fotosintesi clorofilliana.

Il fiore rappresenta una droga vegetale che contiene gli organi riproduttori della pianta e che prende il nome di fiore solitario quando è sostenuto da un peduncolo non ramificato, e di infiorescenza quando è costituito da più fiori raggruppati. Il fiore può essere impiegato come droga vegetale nella sua totalità od in una delle sue parti: il calice, ossia l’insieme dei sepali, i soli petali, gli stimmi, il polline, l’elemento maschile del fiore.

Il frutto è costituito dall’ovario maturo e serve a contenere e proteggere i semi. Il seme contiene l’embrione della pianta, proveniente dall’ovulo fecondato, e materiale di riserva.

L'articolo Droga vegetale: la parte Utilizzata Delle Piante medicinali sembra essere il primo su Tisane e non solo.



This post first appeared on Tisane E Non Solo - Il Piacere Del Benessere In Ta, please read the originial post: here

Share the post

Droga vegetale: la parte utilizzata delle piante medicinali

×

Subscribe to Tisane E Non Solo - Il Piacere Del Benessere In Ta

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×