Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

I profughi ora profanano l’Altare della Patria

Davanti al simbolo dell’unità della Patria, davanti alla tomba del milite ignoto che rappresenta tutti i caduti per la Nazione. Il simbolo più sacro della nostra Patria profanato da questi “beduini” che pretendono anche la casa. Il degrado totale in cui la sinistra ha fatto sprofondare questo Paese non ha precedenti.

Dal giorno dello sgombero dello stabile di via Curtatone a Roma, si sono accampati davanti all’Altare della Patria. Di giorno sono una cinquantina, ma di notte arrivano anche a 200. Sono prevalentemente etiopi ed eritrei, che hanno rifiutato le soluzioni alternative: “Siamo rifugiati politici, vogliamo una casa, non ce ne andiamo da qui” raccontano a Tgcom24.

Usano i cartoni come letti e agli alberi hanno affisso dei cartelli per tranquillizzare i cittadini della Capitale: “Non abbiate paura”. Ci sono mamme e bambini che da giorni dormono all’aperto e ribadiscono: “Vogliamo un tetto, ma non vogliamo essere separate dai nostri figli”.

L'articolo I Profughi Ora Profanano l’Altare della Patria proviene da Secolo Trentino.



This post first appeared on Secolo Trentino, please read the originial post: here

Share the post

I profughi ora profanano l’Altare della Patria

×

Subscribe to Secolo Trentino

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×