Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Apple, Tim Cook dice no alla “fusione” tra MacOS e iOS

Nessuna unione in Apple tra MacOS e iOS

Tim Cook, CEO di Apple ha negato nelle ultime ore le indiscrezioni recenti secondo cui sarebbe stata prossima l’integrazione delle app per MacOS e iOS. Questo è quanto riportato da Mashable, secondo cui non ci sarebbe – per il momento – alcuna unione tra funzionalità di MacOS e iOS all’orizzonte. Tim Cook ha dichiarato al Sydney Morning Herald:

“Non crediamo serva una sovrapposizione tra i due sistemi. Sia l’uno che l’altro (Mac e iPad) sono incredibili. E una delle ragioni per cui entrambi sono incredibili è che abbiamo spinto entrambi a fare ciò che sanno fare bene. E se inizi a unirli, inizi a fare compromessi. Probabilmente l’azienda sarebbe più efficiente alla fine della giornata. Ma non è questo che conta. Ciò che conta è offrire alle persone cose che possono utilizzare per cambiare il mondo o esprimere le proprie passioni o esprimere la propria creatività. Dunque questa cosa della fusione con cui alcuni sono fissati, non credo sia ciò che vogliono gli utenti.

apple

apple

Le dichiarazioni di Tim Cook mette a tacere – almeno per ora – le indiscrezioni in merito alla possibilità di vedere in futuro le applicazioni sviluppate per iOS funzionare anche sul sistema operativo per computer Apple, MacOS. Sarebbe stata una mossa simile a quella fatta da Microsoft su Windows, e avrebbe avuto senza dubbio la sua ragione d’esistere.

Perché funzionerebbe e cosa vorrebbe dire

È passato qualche mese da quando ha cominciato a circolare l’indiscrezione (fonte Mashable) secondo cui Apple sarebbe stata intenzionata a rendere iPhone e Mac, ovvero i dispositivi mobili e quelli “fissi” Apple, più vicini. La voce voleva l’azienda di Cupertino intenzionata a creare un sistema di creazione di applicazioni che consentisse alle stesse applicazioni di essere utilizzate sia su MacOS che su iOS. Il nome in codice della funzionalità sarebbe stato (o sarebbe, ancora oggi, nel caso in cui quella di Tim Cook fosse stata una smentita di facciata) Marzipan, e le indiscrezioni di allora volevano il tutto in atto in un non definito momento del 2018, ma più probabilmente nel 2019 per le difficoltà di creazione di uno strumento del genere.

La strategia sarebbe, come già accennato, molto simile a quella delle app universali per Windows di Microsoft, che consente di creare una singola applicazione in grado di adattarsi sia ai dispositivi touchscreen come tablet e smartphone, che a quelli desktop che utilizzano tastiera e mouse. Non è chiaro come tutto ciò potrebbe funzionare per Apple, dal momento che la programmazione per MacOS e per iOS è molto diversa. Una strada plausibile sarebbe quella che vede l’utilizzo del linguaggio di programmazione Swift, di proprietà Apple, visto che funzione sia per MacOS che per iOS. Non ci resta che attendere ulteriori informazioni in merito (sempre se ce ne saranno di positive).

L'articolo Apple, Tim Cook dice no alla “fusione” tra MacOS e iOS sembra essere il primo su BuzzNews.



This post first appeared on BuzzNews, Le Notizie Che Fanno Rumore, please read the originial post: here

Share the post

Apple, Tim Cook dice no alla “fusione” tra MacOS e iOS

×

Subscribe to Buzznews, Le Notizie Che Fanno Rumore

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×