Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Le 7 cose che ho imparato questo mese

Ogni volta che comincio un nuovo lavoro sono piena di entusiasmo, voglia e passione per quel che devo fare.

Poi mi scontro con la realtà e il mio mondo di bolle e sapone si ammoscia.

La gente non è normale. Non scherzo. Non mi abituerò mai a Questo.

Se faccio un veloce riavvolgimento della mia vita, posso facilmente concludere che la gente scappa da me. Il ‘Signor Buonsenso’ direbbe

Chiara è colpa tua

eppure io sono convinta che sia la gente ad essere strana, non io.

La mia conclusione sull’argomento, oggi 15 ottobre 2017, è che la disponibilità non piaccia. Bisogna tirarsela un po’. Altrimenti sei poco appetibile. E scontata, appunto.

Io, invece, trovo che la gentilezza sia un valore speciale. Che sia rara. E che spesso venga scambiata per debolezza e quando succede le persone tendono a prevaricarti.

Quando mi capita di trovare una persona gentile mi si riempie il cuore istantaneamente.

Cosa ho imparato questo mese.

Il mio lavoro è quasi giunto al termine. Manca veramente poco. E’ quindi arrivato il momento di fare una lista (aaaaaahhhhh quanto le amo) di cosa ho imparato:

  1. Le persone sono complesse, non le conosci mai veramente, e quando pensi di aver capito una persona, è proprio il momento in cui in verità non hai capito niente.
  2. Devo fregarmene, prendermi poco sul serio e calmare il mio ego. E’ questo il solo modo per frenare l’ansia.
  3. La vita e le scelte sono le mie. Devo rimanere concentrata su ciò che voglio.
  4. Non sono perfetta e va benissimo così. Il punto è che non si può piacere a tutti. Voglio smettere di cercare di essere idonea alle richieste del mondo.
  5. Devo dare più peso a quel che penso. Sono brava e va tutto bene.
  6. Ogni giorno devo ricordarmi di fermarmi all’aria aperta, respirare anche solo per qualche secondo e apprezzare di esserci e di potermi godere la vita. Viviamo come se fossimo eterni. La verità è che domani potremmo non esserci più. Vorrei imparare a vivere con questo senso di precarietà addosso. E’ il pensare di essere eterni che ci porta a soffrire. Se accettassimo la precarietà in cui di fatto siamo, impareremmo a vivere come se ogni giorno potesse essere l’ultimo. E aggiungerei: che figata!
  7. Devo parlare a me stessa con lo stesso atteggiamento che uso con gli altri.

Riguardo a questo ieri ho conosciuto un ragazzo che non smetteva di dire a se stesso ad alta voce che non era in grado di fare quello che gli era stato chiesto. Prima mi sarebbe sembrato normale. Ora, per fortuna non più. Con tutto il rispetto non penso che il CEO della società per cui sto lavorando sarebbe arrivato dove si trova a soli 40 anni se avesse parlato a se stesso con lo stesso linguaggio che usava questo ragazzo.

Bene, questi sono i pensieri che mi hanno accompagnata nell’ultimo mese. Adesso che sono stati digitati potrò usarli come memoria scritta. Un modo per dire:

Di qui ci sono già passata, non occorre ritornarci. Andiamo avanti.

E avanti tutta sia.

L'articolo Le 7 cose che ho Imparato Questo Mese proviene da www.ecosustyle.com.



This post first appeared on Ecosustyle, please read the originial post: here

Share the post

Le 7 cose che ho imparato questo mese

×

Subscribe to Ecosustyle

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×