Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

LA HABANA 3


Ultima parte del mio piccolo reportage riguardante la mia breve vacanza Nella Capitale di tutti i cubani.
Air France; Torino-La Habana via Paris.
Anche in quel caso, la coda del mio soggiorno cubano la vivro' proprio a La Habana.
Probabilmente e' proprio questa la sua collocazione; la parte finale di una vacanza da vivere in oriente, che mettera' il sigillo finale ai miei bei giorni a Cuba.
I costi, nel caso di una vacanza a tempo pieno a La Habana, lieviterebbero notevolmente, sopratutto sotto la voce “gnagna”, ma non e' solo un discorso economico, con ogni probabilita' la mia dimensione vacanziera e' quella di un posto piu' piccolo, piu' intimo.....con appunto gli ultimi giorni vissuti ad una dimensione differente.
Con una buona casa de renta, un desajuno e una buona cena, alla fine spendo meno che a Tunas dove il mio budget giornaliero raramente scende sotto i 70 cuc.
Considerazioni sulla mio soggiorno avanero?
Intanto la gente.
Sicuramente, rispetto alla ruspante popolazione palestina, nella Capitale la gente e' piu' tranquilla, serena, direi anche piu' educata.
Se qualcuno ti chiede l'ora lo fa con tutti i crismi della buona educazione con tanto di “Per favore” e “Grazie”.
A Tunas ti incrociano, come se fossi un sordomuto, ti indicano con l'indice di una mano il polso dell'altra....senza quasi parlarti.
In questi casi mi comporto esattamente da sordomuto, fingo di non capire e vado dritto.
I trasporti a La Habana sono una cosa civile; bus grandi normalmente frequentati, sopratutto con 2 porte, una per salire e l'altra per scendere.
A Tunas i bus sono rari, pieni come uova e con una porta sola per discesa e salita.
Decine di persone ad ogni fermata in attesa; arriva il bus, apre l'unica porta ed e'....la guerra dei Roses.
Il tunero, geneticamente, non capisce che prima si deve lasciare scendere chi c'e' sopra e poi, a quel punto, far salire chi attende..
Il tunero non e' predisposto per questo, quindi tutti tentano di scendere e tutti cercano di salire nello stesso tempo.
Detto questo, sia chiaro, Tunas e' casa mia e mi va bene, al final, esattamente com'e'.
Nella capitale wi fi in buona parte delle zone turistiche; quasi tutto il Malecon, tutta la rampa, la piazzetta a lato dell'universita', ovunque.
Ti puoi connettere quasi sempre, senza dover scammellare per raggiungere le rare zone di copertura come avviene nelle altre citta'.
Un pomeriggio, mi pare in calle Aramburu, sulla porta di una casa vedo un annuncio di vendita di una tuta da ginnastica della nazionale cubana di atletismo.
Entro e la provo, era di un discobolo e ci stavo dentro 2 volte, la duena malgrado non comprassi nulla mi ha comunque offerto il caffe', gentilissima, si e' anche complimentata per il mio spagnolo.
Piccole cose che fanno piacere.
A differenza di Tunas a La Habana c'e' di tutto, frutta e verdura in quantita', carne come se piovesse, molto di piu' che nelle stesse provincie agricole.
Piu' ti avvicini alle zone turistiche piu' vedi negozi di ogni tipo, ovviamente tutti particular.
Ferramenta, negozi per alimenti per cani, articoli per feste, profumerie, articoli sportivi, altri di cose che servono ai bimbi a scuola....ci sono zone della capitale che non hanno nulla da invidiare alle piu' grandi capitali europee.
Mi ripropongo nelle prossime visite di girare per i barrios meno turistici, ma anche al Nuevo Vedado dove ci sono case coloniali ristrutturate che sembra di stare in via Lagrange a Torino.
Quello che posso consigliarvi e' di non farvi mancare qualche giorno nella capitale ad ogni vostra vacanza.
Non e' vero che La Habana e' Cuba mentre tutto il resto e' area verde, ma sicuramente La Habana e' la parte di Cuba piu' caratteristica e che rende tutta l'isola la piu' bella terra su cui occhio umano si sia mai posato.


This post first appeared on CUBA;UN'ISOLA NEL SOLE, please read the originial post: here

Subscribe to Cuba;un'isola Nel Sole

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×