Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Castelvetrano, cuccioli abbandonati al loro destino

[di Enzo Napoli] Con la presente, desidero segnalare una cucciolata che si trovava nella zona limitrofa all’ex aeroporto di Castelvetrano, la cui presenta è stata segnalata per iscritto al comando di Polizia Municipale.

Successivamente mi son dovuto recare anche presso il canile per portare copia di detta segnalazione e pregare gli impiegati di provvedere all’accalappiamento per preservare i cuccioli da morte per fame o per avvelenamento, mettendomi a disposizione per l’eventuale individuazione del luogo o per aiutare gli impiegati a catturarli atteso che nella stessa zona una precedente cucciolata era stata eliminata con avvelenamento.

A tal proposito mi domando: se la segnalazione fosse stata fatta da una persona non castelvetranese che non conosceva l’ubicazione del Comando Dei Vigili Urbani e del canile, come si sarebbe risolto questo problema burocratico? Non dovrebbe bastare una semplice telefonata?

Il giorno 6 dicembre vedendo che nessuno aveva provveduto al recupero dei cuccioli, mi sono recato al canile a sollecitare la soluzione del problema. Ufficialmente dal responsabile del canile mi è stato risposto che non avrebbero provveduto al Recupero Dei Cuccioli perché non c’erano posti a disposizione. Concludendo i cuccioli DOVRANNO RIMANERE ABBANDONATI A MORIRE DI FAME O AVVELENATI.

La mattina dell’11 dicembre sono stato presso il comando dei Vigili Urbani per metterli a conoscenza che DOPO UN MESE i cani ancora non erano stati recuperati.
Vorrei preavvisare chi di competenza, e soprattutto il Commissario, che è tanto preciso nell’applicare le leggi, che secondo la legge 281/1991 ha la responsabilità diretta di gestire gli animali randagi la cui proprietà è sua (nella sua qualità) e che non si può giustificare la mancanza di intervento perché nel canile non ci sono posti. Inoltre chi di competenza se non dovesse provvedere potrebbe essere denunciato e, qualora si verificasse il caso, mi vedrei costretto ad adire le vie legali in difesa sia dei miei diritti di cittadino che di quelli degli animali.

Vorrei ricordare inoltre che nel mese di settembre 2017 da parte dell’attuale Amministrazione Comunale è stato bloccato l’ampliamento del canile ed è stato disposto lo smontaggio di alcuni box già costruiti perché non rispettavano la distanza di metri 50 dalla vasca di depurazione, vanificando la spesa di alcune decine di migliaia di euro per lavori già eseguiti.

Signor Commissario, vorrei capire una cosa: Come mai si è preoccupato della non perfetta distanza regolamentare dei box dal depuratore facendoli smontare e invece non si preoccupa dei cani che avrebbero bisogno di essere recuperati e che invece, per mancanza di posti, vengono lasciati al loro destino? Ma quale era la cosa più importante? Ben 15 mesi fa aveva promesso che avrebbe provveduto ad un nuovo ricovero su terreni o locali confiscati alla mafia, come mai ancora non si è fatto nulla?

Per concludere le ricordo che Lei che è stato inviato a Castelvetrano per ripristinare la legalità ed applicare le leggi, rispetti e faccia rispettare la legge 281/1991 art. 3 e 4, l’articolo 328 e la legge regionale 15/2000. In attesa distinti saluti

Enzo Napoli

L'articolo Castelvetrano, cuccioli abbandonati al loro destino sembra essere il primo su Castelvetrano Selinunte // News Blog.



This post first appeared on Castelvetrano Selinunte, Il News Blog Più Seguito, please read the originial post: here

Share the post

Castelvetrano, cuccioli abbandonati al loro destino

×

Subscribe to Castelvetrano Selinunte, Il News Blog Più Seguito

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×