Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Guzzini (Confindustria Macerata): per risollevarci al Governo chiediamo fra le altre misure il taglio drastico dell’Irap

Era il 24 gennaio 2020 quando le agenzie di stampa battevano la notizia dell’elezione a presidente di Confindustria Macerata per il trienno 2020-2023 di Domenico Guzzini.

Presidente della società Fratelli Guzzini Spa di Recanati, nel discorso di insediamento aveva sottolineato la necessità di ‘fare sistema’ fra gli stakeholder economici e istituzionali più attivi del territorio, ma sicuramente niente faceva ipotizzare l’arrivo di una pandemia mondiale che avrebbe fatto tremare i polsi anche ai più grandi imprenditori.

Nella conversazione con ‘cuoreeconomico, il neo presidente è ottimista ma anche realista e chiama a rapporto gli attori della vita istituzionale: locale, nazionale ed europea, perché solo se si lavorerà tutti insieme si potrà uscire dal profondo di questa crisi.

 Il COVID-19 ha praticamente ipnotizzato il Paese e la sua economia. Presidente Guzzini, che scenari nazionali e internazionali si immagina fra qualche mese?

‘Sono ottimista per natura ma di certo in questo caso non posso non essere d’accordo con quanto dichiarato dalla Commissione Europea che prevede uno scenario drammatico per l’Italia con una ipotesi del Pil per il 2020 a -9,5%. Si parla di economia ibernata che di certo non riguarderà solo il nostro Paese ma l’intero scenario internazionale.

Gentiloni ha detto che si prospetta una recessione di proporzioni storiche per tutta la zona euro con gravissime conseguenze economiche e sociali, ciò che mi preoccupa ulteriormente è anche il fatto che questa crisi non è omogenea nell’Ue e potrebbe dare origine a maggiori disparità tra i paesi membri con conseguenze per tutti. Sicuramente la Germania, l’Olanda, la Svezia e altri paesi europei del nord est che hanno gestito meglio la crisi in corso, grazie alla migliore organizzazione sanitaria,  alla migliore guida politica e solidità finanziaria, ne usciranno più forti di prima a danno dei paesi più deboli e più colpiti dal virus come l’Italia.

Credo, comunque, che la ripresa ci sarà ma dipende molto dalla velocità con cui saranno riaperte tutte le attività economiche e anche come settori come il turismo saranno rilanciati e sostenuti, dobbiamo muoverci velocemente, unitariamente, ci deve essere poi l’impegno sia a livello europeo che nazionale con un grande spirito di squadra per il benessere di tutti.
Al Governo chiediamo di abbattere la burocrazia, insostenibile già prima adesso impossibile da sopportare, il taglio dell’Irap, pagare i debiti della pubblica amministrazione alle imprese private, sbloccare i soldi già finanziati per le opere pubbliche’.

Tutti i settori dell’economia sono stati colpiti dal Covid-19 ad eccezione di alcuni.
Siamo entrati nella Fase2 con molta incertezza e criticità. Il tema della liquidità sta diventando drammatico.
Il sistema bancario locale, a suo giudizio, sta supportando la filiera delle Pmi in questo particolare frangente?

‘Oggi più che mai il ruolo delle banche è fondamentale, la sinergia con loro essenziale, occorre studiare assieme anche forme diverse di finanziamento, modalità differenti, per rilanciare il sistema economico.
Anche la BCE deve dare il suo sostegno, anche se le recenti dichiarazioni della Lagarde alla Corte Europea non danno grandi speranze in tal senso. Se non nascerà una vera solidarietà, il destino dell’Europa e dell’euro potrebbe essere in serio pericolo.

A livello locale come Confindustria Macerata abbiamo da tempo una stretta collaborazione con le banche ed è nell’interesse di tutti rafforzarla, tant’è che sabato abbiamo organizzato un webinar riservato agli imprenditori per parlare sul tema: Il Rapporto Banca Impresa in tempo di Covid-19 a cui sono intervenuti 6 importanti esponenti degli Istituti di credito che operano sul nostro territorio. Alla fine ho proposto di tracciare insieme un accordo definito “Finanza Facile” tra Confindustria Macerata e i vari Istituti di credito presenti con l’intento di trasformare in autostrade l’attuale iter molto tortuoso che è ora l’accesso al credito’.

In questo momento crediamo ci sia bisogno di scelte coraggiose che possono fare solo i rappresentanti istituzionali.
Associazioni di categoria e Regione: come possono supportare la lenta rinascita della regione già molto indebolita?

‘Le Associazioni di categoria sono importantissime per sostenere la rinascita delle singole regioni e del Paese, conoscendo in prima linee le difficoltà sono determinanti nell’indirizzare le scelte che siano il più possibile aderenti alle esigenze reali e, anche qui, costruire assieme paradigmi nuovi per rilanciare l’economia ed uscire da questa contingenza negativa. Confindustria rappresenta le aziende e l’impresa è il cuore pulsante del sistema economico’.

Da ultimo, Presidente, Umbria e Marche sembrano essere sempre più collaborative. Ritiene che il Covid-19 possa contribuire ad accelerare un processo di maggiore e costruttiva collaborazione fra gli stakeholder economici e istituzionali?

‘Le parole collaborazione e partecipazione devono essere il nostro credo, la storia insegna che per superare le difficoltà occorre fare squadra, per avere strategie comuni che non disperdano energie e idee, quindi sono convinto che l’emergenza che stiamo vivendo ci porterà a rafforzare cooperazioni ed interventi comuni con gli stakeholder economici,  istituzionali, finanziari, sociali. Da soli non si va da nessuna parte e solo se saremo tutti uniti possiamo uscire prima e meglio da questa gravissima crisi economica’.

TAGS: BCEConfindustria Maceratacovid-19Domenico GuzziniFinanza FacileFratelli Guzzini SpaIrapLagardePaolo Gentiloni

L'articolo Guzzini (Confindustria Macerata): per risollevarci al Governo chiediamo fra le altre misure il taglio drastico dell’Irap proviene da CUORECONOMICO.



This post first appeared on ESG89 Group, please read the originial post: here

Share the post

Guzzini (Confindustria Macerata): per risollevarci al Governo chiediamo fra le altre misure il taglio drastico dell’Irap

×

Subscribe to Esg89 Group

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×