Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Quando la nave affonda. Riflessioni

Quando la nave affonda. Riflessioni

Iannozzi Giuseppe

Donald Trump

– La tragedia di questo nostro tempo storico è che a ogni ora un nuovo dramma si consuma, e subito l’opinione pubblica dimentica le tragedie occorse un quarto d’ora prima.

– Scrivere o non scrivere? Dilemma forse più corposo del più classico essere o non essere.

– Quasi nessun scrittore ha oggi delle idee veramente originali e di sostanza, ciò nonostante i libri che il pubblico gradisce sono quelli che raccolgono luoghi comuni.

– Se è vero che in Italia la grande letteratura è morta, è forse più vero che in America, oggi come oggi, a scrivere sono sol più zombie e becchini di professione.

– Se Donald Trump dovesse diventare il nuovo presidente degli Stati Uniti d’America, il suo degno successore non potrà che essere Charles Manson.

– Il problema dell’Europa è che ha assorbito e fatto suo il background peggiore (quello culturale, sociale e politico) degli USA.

– Chi più cerca meno trova.

– Cavar di bocca i denti non significa sfamare dell’affamato lo stomaco. Questo accade in una dittatura e non altro.

– Dopo un approfondito pediluvio, il cervello sa meglio stare con i piedi per terra.


Archiviato in:attualità, cultura, Iannozzi Giuseppe, letteratura, politica, politici, riflessioni, società e costume Tagged: Donald Trump, Europa, Iannozzi Giuseppe, nave affonda, riflessioni, sulla letteratura, sulla politica, Usa


This post first appeared on Iannozzi Giuseppe – Scrittore E Giornalista | Ia, please read the originial post: here

Share the post

Quando la nave affonda. Riflessioni

×

Subscribe to Iannozzi Giuseppe – Scrittore E Giornalista | Ia

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×