Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Irène Némirovsky – Lo sconosciuto – EDB – Recensione di Iannozzi Giuseppe

Irène Némirovsky – Lo sconosciuto

Anche oggi fratelli che uccidono altri fratelli

Iannozzi Giuseppe

Irène Némirovsky - Lo sconosciuto

Forse, Lo sconosciuto faceva parte di un progetto più vasto, di un romanzo, non possiamo saperlo, non con assoluta certezza. E però noi lettori siamo fortunati perché Lo sconosciuto, sotto forma di novella, è lettura che è arrivata sino a noi e che non manca di compiutezza.
Irène Némirovsky, di origine ebraica, convertita al cristianesimo nel 1938, non riuscì a sfuggire alla follia nazista; arrestata dai nazisti, fu deportata nel luglio del 1942 ad Auschwitz, dove morì di tifo dopo un mese di prigionia. Le opere Irène Némirovsky hanno cominciato a interessare la critica e il pubblico italiano grazie ad Adelphi editore, che nel 2005 ha iniziato a pubblicare le opere della scrittrice.

Come si è già detto, Lo sconosciuto (L’Inconnu, 1941) è un racconto sul destino, sulle tragedie che il destino riserva a chi vive in tempo di guerra. Due fratelli, entrambi soldati, François e Claude si ritrovano, si incontrano nel viavai di una stazione ferroviaria. François, molto più giovane di Claude, è felice di partire, di andare alla guerra: “Aveva venticinque anni ed era contento di andare a combattere. Tutto l’inverno era stato di stanza nel Nord e aveva incontrato solo due avversari: la noia e il freddo.” Claude invece ha moglie e figli, e ha già visto il sangue, ha già visto morire amici e compagni. François pensa che “non è giusto” che il fratello non venga lasciato in pace.

François e Claude chiacchierano, mentre in stazione la confusione è forte: Claude racconta al fratello quello che gli è accaduto, di come si sia trovato faccia a faccia con la morte; e alla fine gli mostra una foto. Gli spiega che l’uomo nella foto non può che essere loro padre: le cicatrici che ha sul volto non lasciano spazio a dubbi. E gli fa anche capire che il padre non era morto durante la Prima Guerra Mondiale, nel maggio del 1917, come credevano, si era invece rifatto una vita in Germania. E alla fine ammette – o confessa – che nel corso di uno scontro fra tedeschi e francesi, lui, Claude, per non essere ucciso, era stato costretto a uccidere un giovane soldato tedesco, un certo Franz, il loro fratellastro. Claude è purtroppo sicuro di quello che va confessando al fratello François: Franz aveva una fossetta sul mento, un segno caratteristico di famiglia e che anche lui, Claude, ha ereditato dal padre. La tragedia è definita, è compiuta, non è possibile cambiare una sola virgola.
A François, Irène Némirovsky mette in bocca queste parole che riassumono appieno l’insensatezza e la drammaticità della guerra: “Non ci si pensa mai, ma con i quattro anni dell’altra guerra, l’invasione, poi le nostre truppe sul Reno, dei fratelli hanno dovuto già trovarsi gli uni contro gli altri in campi nemici.”

Nella traduzione di Giovanni Ibba, con una molto chiara nota di lettura di Jean-Louis Ska, Lo sconosciuto di Irène Némirovsky torna in libreria per EDB Edizioni.
L’attualità de Lo sconosciuto, ieri come oggi, è allarmante: in questa novella dai toni apparentemente pacati, anche quando il dramma viene esplicitato, non c’è solo la Storia, c’è il nostro momento storico fatto di incertezze, di guerre, di fratelli che, con consapevolezza o no, uccidono altri fratelli.

Irène Némirovsky (1903-1942), nata in Ucraina, di religione ebraica, convertita al cristianesimo nel 1939, è morta ad Auschwitz nel 1942. Riscoperta solo dopo la morte, in seguito alla pubblicazione postuma di Suite francese, è stata tradotta in molti paesi del mondo, Italia compresa, da editori come Adelphi e Garzanti.

Lo sconosciuto – Irène Némirovsky – Nota di lettura di Jean-Louis Ska  Traduzione di Giovanni Ibba  1ma edizione: 2018 – Pagine: 64 – EDB Edizioni – Collana: P9 Lampi sezione: Lampi d’autore – Preparato per la pubblicazione da Valeria Riguzzi – EAN: 9788810567784 – € 7,00



This post first appeared on Iannozzi Giuseppe – Scrittore E Giornalista | Ia, please read the originial post: here

Share the post

Irène Némirovsky – Lo sconosciuto – EDB – Recensione di Iannozzi Giuseppe

×

Subscribe to Iannozzi Giuseppe – Scrittore E Giornalista | Ia

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×