Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

RECENSIONE: Nostalgia del sangue di Dario Correnti

Tags: ilaria dove loro


Certe mostruosità possono maturare solo in posti così: una provincia del nord Italia, Dove soltanto pochi metri separano un gregge di pecore da un centro commerciale con sala slot e fitness, dove la gente abita in villette a schiera con giardino, tavernetta e vetrina con i ninnoli in cristallo, dove riservatezza è il nome che si attribuisce a un'omertà che non ha niente da invidiare a quella dei paesi dove comanda la mafia. Gli stessi luoghi che più di cento anni fa, infestati dalla miseria, dalla denutrizione e dalla pellagra, videro gli spaventosi delitti di Vincenzo Verzeni, il "vampiro di Bottanuco", il primo serial killer italiano, studiato da Lombroso con la minuzia farneticante che caratterizzava la scienza di fine Ottocento e aggiungeva orrore all'orrore. Il serial killer che sembra citare il modus operandi di quel primo assassino non è però un giovane campagnolo con avi "cretinosi", è una mente lucidissima, affilata, che uccide con rabbia ma poi quasi si diletta, si prende gioco degli inquirenti. A raccontare ai lettori le sue imprese e, a un certo punto, a tentare in prima persona di dargli la caccia, la coppia più bella mai creata dal noir italiano: Marco Besana, un giornalista di nera alle soglie del prepensionamento, disilluso, etico e amaro come molte classiche figure della narrativa d'azione, e una giovane stagista, la ventiseienne Ilaria Piatti, detta "Piattola". Goffa, malvestita, senza neppure un corteggiatore, priva di protezioni, traumatizzata da un dolore che l'ha segnata nell'infanzia e non potrà abbandonarla mai, eppure intelligentissima, intuitiva, veramente dotata per un mestiere in cui molti vanno avanti con tutt'altri mezzi, Ilaria è il personaggio del quale ogni lettrice e lettore si innamorerà. Un uomo anziano e una ragazza rappresentanti emblematici delle due categorie più deboli della società italiana di oggi, uniscono la loro fragilità e le loro impensabili risorse per raccogliere la sfida lanciata dal male.



RECENSIONE:

Ho letto Nostalgia del sangue tutto in fiato (e il libro ha circa 540 pagine) perché è impossibile fare altrimenti. 
E' un thriller che ti cattura fin dalla prima pagina, oltre che essere scritto bene, i capitoli brevi aiutano molto. 
Non c'è stato un momento di calo, ne un momento di noia, quindi è stato molto facile leggerlo...una pagina tira l'altra...
Di cosa parla dunque questo libro che mi ha letteralmente catturata con la sua scrittura eccezionale?
Facciamo subito la conoscenza di due giornalisti, di cronaca nera, il veterano Marco Besana, vicino al prepensionamento e la stagista Ilaria Piatti. 
Due giornalisti con due esperienze, giustamente, diverse, ma entrambi hanno la voglia di scoprire la verità.
Siamo in un paese in provincia di Bergamo, dove circa un secolo fa ha vissuto Vincenzo Verzeni un serial killer, soprannominato il Vampiro della bergamasca in quanto il suo modus operandi, era di aggredire le sue vittime, strangolarle e alla loro morte mutilava i copri con episodi di cannibalismo. 
Un secolo dopo, purtroppo, questo tipo di omicidi si stanno di nuovo ripetendo. 
Il caso viene assegnato a Marco e quando Ilaria capisce che l'assassino sta imitando Vincenzo Verzeni, Marco chiede il suo aiuto. Mentre Marco e Ilaria s'immergono nel caso, noi lettori conosciamo meglio anche la vita di questi due giornalisti.
Marco vive da solo, da quando la moglie l'ha cacciato di casa, per colpa di una scappatella con la stagista che c'era prima di Ilaria. Marco ama molto il suo lavoro, non vuole andare in pensione, non sa cosa fare a casa tutto il giorno. Lui è abituato a stare in mezzo alla notizia, a cercare la verità.
“Mi chiedo se avrò nostalgia del sangue, quando andrò in pensione.”
“Nostalgia del sangue?”
“Be’, in fondo passi la vita così. Prima impari a guardarlo a occhio nudo, poi la scientifica si aggiorna e arriva il luminol, e tu sei con loro, quindi impari a guardarlo al buio. Non è più quella roba rossa che conoscevi, ma una chemiluminescenza bluastra. Cambia di colpo la tua prospettiva. Prima cercavi di capirla da dove arrivava e dove ti portava, poi si scopre il DNA e ti accorgi che la via da seguire sta dentro. Io ho cambiato tante volte il rapporto con il sangue. È un po’ come un matrimonio: ci sono tante stagioni. Per questo mi chiedo se mi mancherà.”
Ilaria è una ragazza di 26 anni, ma nel suo passato nasconde un dolore grande, suo padre ha ucciso sua madre, ma non ha confessato il suo omicidio, anzi il padre di Ilaria faceva appelli ai giornalisti. 
Ilaria è cresciuta con la zia, nonostante la tragedia che ha vissuto da piccola, vuole diventare una giornalista di cronaca nera,  non può che essere dunque felice e onorata quando il suo mentore è Marco.
All'inizio il loro rapporto non è facile, si studiano si devono conoscere, una volta conosciuti entrambi provano stima l'uno verso l'altra.
Le atmosfere, sono cupe quasi noir e la trama sicuramente ne giova, arricchisce la tensione che già si percepisce, è una corsa per trovare l'assassino, prima che uccida ancora....
Nostalgia del sangue è un thriller ben scritto, avvincente, pieno di suspense, i personaggi non sono perfetti e per questo risultano tremendamente umani, con le loro paure, con le loro sfide da vincere.
Consiglio senza ombra di dubbio.
 


   Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic       


This post first appeared on L'universo Dei Libri, please read the originial post: here

Share the post

RECENSIONE: Nostalgia del sangue di Dario Correnti

×

Subscribe to L'universo Dei Libri

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×