Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Medioevo da non credere: la terra piatta

Discorso al Festival della Mente 2013 di Alessandro Barbero, storico, scrittore e professore ordinario di Storia medievale presso l’Università degli Studi del Piemonte Orientale e Vercelli. Collabora al programma televisivo Superquark e alle trasmissioni Passato e presente e a.C.d.C. in onda su Rai Storia.

Cristoforo Colombo dovette convincere i dotti di Salamanca che la terra era rotonda prima di ottenere dalla regina Isabella le tre caravelle; molti pensavano che fosse un pazzo, e che arrivato al confine del mondo sarebbe precipitato nel nulla, perché la terra era piatta.

Questa storia è conosciuta da tutti, e negli ultimi due secoli è stata rappresentata in innumerevoli opere d’arte, dai quadri dei pittori pompier ai fumetti di Altan. Ma come mai prima dell’Ottocento non se ne trova traccia da nessuna parte?

E se nel Medioevo credevano che la terra fosse piatta, come mai tutti i re e gli imperatori medievali rappresentati nelle miniature, negli affreschi e nelle statue dell’epoca portano in mano un globo, per simboleggiare il loro dominio sul mondo?

Please accept YouTube cookies to play this video. By accepting you will be accessing content from Youtube, a service provided by an external third party.

YouTube privacy policy

If you accept this notice, your choice will be saved and the page will refresh.



This post first appeared on VitAntica, please read the originial post: here

Share the post

Medioevo da non credere: la terra piatta

×

Subscribe to Vitantica

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×