Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Cacciata dal ristorante perché trans, i proprietari: "L'unico posto per i trans è il bordello."


In foto, Massimina Lizzeri

Si chiama Massimina Lizzeri ed è una donna trans sulla quarantina. L'episodio di transfobia che la vede coinvolta è avvenuto giovedì 10 agosto all'interno di un noto locale sul litorale di Latina.

Dapprima invitata ad uscire da un cameriere perché "vestita in modo poco consono", la donna si è difesa facendo notare che molta gente stava pranzando addirittura in bikini o a torso nudo senza ricevere alcun tipo di reclamo.

A quel punto viene a galla la vera motivazione: "La verità è che sei un trans e qui non ti vogliamo, il tuo posto è il bordello." ribadisce con aggressività la proprietaria. Poi aggiunge, mostrando appieno la propria ignoranza: "Sei uomo, donna o frocio?"

Massimina si è rivolta al MIT (Movimento Identità Trans) e fa sapere di essere fermamente decisa a sporgere denuncia. Per il momento la donna non si è tirata indietro nemmeno di fronte ai giornalisti e ha deciso senza esitazione di metterci la faccia: "Queste cose non dovrebbero succedere ed ho intenzione di andare fino in fondo" riafferma con un tono sicuro e risoluto che mostra appieno il suo spirito battagliero.



This post first appeared on Notiziegaydalmondo, please read the originial post: here

Share the post

Cacciata dal ristorante perché trans, i proprietari: "L'unico posto per i trans è il bordello."

×

Subscribe to Notiziegaydalmondo

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×