Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

La legittima difesa e i ruggiti di Salvini

Dice in sostanza l'articolo 52 del codice penale  che se si trova un estraneo in casa propria gli si può sparare non solo se mette in pericolo la propria o l'altrui incolumità, ma anche se non desiste dal rubare e vi sia pericolo di aggressione.

Salvini, e la banda di pistolero che lo segue, pretende invece che sia legittimo far fuori qualcuno anche se scappa via appena vi vede.

Credete che l'articolo 52 vada cambiato o va bene così?


Art. 52 codice penale.
La legittima difesa. Non è punibile chi ha commesso il fatto, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di una offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all'offesa.

Nei casi previsti dall'articolo 614, primo e secondo comma [ndr: violazione di domicilio], sussiste il rapporto di proporzione di cui al primo comma del presente articolo se taluno legittimamente presente in uno dei luoghi ivi indicati usa un'arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere:
a) la propria o la altrui incolumità:
b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d'aggressione.

La disposizione di cui al secondo comma si applica anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto all'interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un'attività commerciale, professionale o imprenditoriale.


This post first appeared on Alberto Cane, please read the originial post: here

Share the post

La legittima difesa e i ruggiti di Salvini

×

Subscribe to Alberto Cane

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×