Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Intervista a DOBRO, giovane cantante emergente

15826382_10154700773620999_687053657624728398_n

“Aria” è il singolo di  Dobro, in rotazione radiofonica dal 13 gennaio, singolo estratto dall’album “ARCHISTAR N°13” prossimamente in uscita

“DOBRO” è il nome d’arte di Andrea Chiarini. Classe 1987, chitarrista e musicista, diplomato al conservatorio. Attivo dal 2003 con diversi progetti, 4 dischi pubblicati e un Ep. “Aria” è il suo primo singolo ufficiale, vincitore della VII edizione del “Premio Donida” pubblicato su etichetta “La compagnia di Donida Records / Universal Music Publishing Ricordi”.

Il nome Dobro, nasce dalla chitarra resofonica, da lui utilizzata. Il sound che lo contraddistingue, è stato definito da lui stesso, “Rap Alchemico”, una fusione tra il mondo del blues e l’hip hop. I testi spaziano dalle difficoltà di una generazione, a deliri onirici, con riferimenti al mondo dell’occultismo e della magia.

L’abbiamo intervistato per voi!

Com’è nata questa tua passione per la musica?

Da bambino… ho scritto la mia prima “canzone” a 12 anni, sono sempre stato legato alla musica anche grazie alla mia famiglia… mio nonno suonava la chitarra e sono cresciuto in un contesto dove la musica c’è sempre stata in un modo o nell’altro… E’ qualcosa che ci unisce ad una dimensione superiore secondo me, è un modo per comunicare con qualcos’altro… più grande di noi.

Perché “ARCHISTAR N°13” come nome del tuo album prossimamente in uscita? Perché un nome così particolare?

E’ una parola che ho preso in prestito dal mondo dell’architettura… Nel mio caso non c’entrano nulla i palazzi o gli architetti….o meglio, c’entrano, ma non direttamente e concretamente…nel disco parlo molto di crescita e ricostruzione del proprio “Io”; Metaforicamente quello che gli architetti e i muratori fanno, nella progettazione e costruzione di una cattedrale, edificio ecc.., dovremmo applicarlo, per “costruire” noi stessi….è come lavorare una pietra grezza da zero… Il numero 13 invece, è il mio numero fortunato e tredici sono le tracce del disco. E’ anche un gioco di parole simile al nome del profumo.. (Chanel n 5).. per dire che  non si confonde col resto, ha una sua identità ed un suo sound.

I brani che compongono il tuo album in uscita “ARCHISTAR N°13” che argomenti toccano?

E’ un disco molto mentale…. non racconto quasi mai qualcosa di concreto, descrivo stati d’animo principalmente… mi piace l’idea di dare dei flash mentali, delle istantanee che poi ognuno può interpretare soggettivamente.

Parlaci del tuo nuovo singolo “Aria”, come è nata l’idea della sua creazione e produzione?

L’idea è nata da un voler cambiare e migliorare alcuni aspetti della mia vita, ho descritto un mio processo di cambiamento… di solito produco le basi da solo, sono un lupo solitario da studio e mi piace questa dimensione che mi sono ritagliato… tempo fa avevo scritto un post sulla Mia Pagina Facebook raccontando un aneddoto su come è nata “Aria”, se volete darci un’occhiata per approfondire l’argomento vi invito a visitare la mia pagina Facebook.

Come sta andando l’accoglienza del tuo singolo “Aria”?

Molto bene ! su Itunes siamo andati fortissimo!! In Top Ten generale italiana, una bella soddisfazione…. Su Youtube siamo a mezzo milione di visite e ai concerti inizio già a vedere qualcuno che la canta…..Sono tutti piccoli e grandi segnali che mi fanno capire “l’indice di gradimento”.

Nel videoclip del singolo “Aria” c’è una scenografia molto naturalistica. Qual è la tua connessione con il canto e la natura?

Come dicevo prima la musica rappresenta una connessione diretta con qualcosa di più grande… mi piace definirlo “potere superiore” o “energia universale”. Nel video, il bosco dove corro, è la metafora della vita, con tutte le sue difficoltà e insidie…. La vetta della montagna, nella parte del ritornello, rappresenta l’illuminazione.

Quali sono le tue aspettative per il futuro?

Continuare a fare ciò che amo, produrre dischi, fare concerti ed avere un sound di successo.

Come ultima domanda, più che una domanda è un appello… ti chiedo: perché le persone dovrebbero ascoltarti?

Se volete farvi un trip e cercate qualcosa di più ricercato, DOBRO è la risposta.

L'articolo Intervista a DOBRO, Giovane Cantante Emergente sembra essere il primo su Live Time.



This post first appeared on Live Time, please read the originial post: here

Share the post

Intervista a DOBRO, giovane cantante emergente

×

Subscribe to Live Time

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×