Get Even More Visitors To Your Blog, Upgrade To A Business Listing >>

Il processo ai militari italiani accende sospetti di legami tra i test sulle armi e le malformazioni alla nascita in Sardegna


Di Emma Alberici
https://www.abc.net.au

Le gambe di Maria Teresa Farci iniziano a tremare mentre legge ad alta voce il diario che descrive, in dettagli strazianti, gli ultimi momenti della torturata vita della figlia venticinquenne.

"È morta tra le mie braccia, il mondo intero mi è crollato addosso, sapevo che era malata, ma non ero pronta."

La figlia, di Maria Grazia, è nata sull'isola di Sardegna con una parte del suo cervello malformato e una spina dorsale così deformata che sua madre non ha mai permesso che fosse pubblicata la sua foto.

Questo era solo uno dei tanti misteriosi casi di deformità, cancro e distruzione ambientale che sono stati definiti la "sindrome di Quirra".

Otto ufficiali Militari Italiani - tutti ex comandanti del poligono di Quirra in Sardegna - sono stati portati davanti ai tribunali.

È una vicenda senza precedenti che i Militari italiani hanno tenuto conto di ciò che molti sardi affermano essere uno scandaloso insabbiamento di un grave disastro sanitario con conseguenze internazionali.

Bombe e difetti alla nascita - c'è un collegamento?

Nell'anno in cui è nata la piccola della signora Maria Grazia,  un bimbo su quattro dei nati nella stessa città, ai margini del poligono di Quirra, hanno sofferto di disabilità.

Alcune madri hanno scelto di abortire piuttosto che dare alla luce un bambino deforme.
Durante la sua prima intervista televisiva, la signora Maria Teresa ha riferito al corrispondente estero che, quando era incinta,  sentiva il rimbombo delle bombe che esplodevano al poligono di Quirra .

Enormi nuvole di polvere rossa avvolgevano il suo paese.


Più tardi, le autorità sanitarie furono chiamate a studiare un allarmante numero di pecore e capre nate con deformità.

I pastori della zona avevano regolarmente pascolato i loro animali dentro il poligono di tiro.

"Agnelli sono nati con gli occhi nella parte posteriore della testa", ha detto lo scienziato veterinario Giorgio Melis, uno dei ricercatori.

"Non avevo mai visto niente del genere."

Un contadino gli racconta il suo orrore: "Avevo paura di entrare nella stalla al mattino ... erano delle mostruosità che non volevo vedere".

I ricercatori hanno anche scoperto che un allarmante 65% dei pastori di Quirra ha avuto un cancro.

Le notizie hanno colpito duramente la Sardegna. Ha rafforzato le loro peggiori paure mentre sfidava anche la loro orgogliosa reputazione internazionale come un luogo di incomparabile bellezza naturale.

L'esercito ha contrattaccato, con un ex comandante della base di Quirra che diceva alla televisione svizzera che i difetti alla nascita negli animali e nei bambini provenivano dalla consanguineità.

"Si sposano tra cugini, fratelli, l'uno con l'altro", ha affermato il generale Fabio Molteni, falsamente e senza prove.

"Ma non puoi dirlo o offenderesti i sardi".

Il generale Molteni è uno degli ex comandanti sotto processo.

Anni di indagini e inchiesta legale hanno portato i sei generali e due colonnelli a essere accusati di aver violato il loro dovere di diligenza per la salute e la sicurezza di soldati e civili.

Dopo ripetuti tentativi, il corrispondente estero ha rifiutato di intervistare gli alti funzionari militari italiani e il ministro della Difesa.

I governi guadagnano molto affittando i poligoni in Sardegna

La Sardegna ha ospitato i giochi di guerra delle forze armate dall'ovest e da altri paesi da quando aree considerevoli del suo territorio sono state divise dopo la seconda guerra mondiale.

Si dice che Roma realizzi circa 64.000 dollari l'ora ad affittare le tratte verso i paesi della NATO e altri, compreso Israele.

Per ottenere informazioni precise su ciò che è stato fatto saltare in aria, testato o sparato nei siti militari e da quali paesi è stato compiuto è quasi impossibile saperlo, secondo Gianpiero Scanu, a capo di un'inchiesta parlamentare che ha riportato l'anno scorso.

Molti, tra cui l'attuale ministro della Difesa Elisabetta Trenta, hanno precedentemente accusato i militari italiani di mantenere un "velo di silenzio".


Parlando nell'esclusiva data al nostro giornale ABC, il procuratore capo per la regione, Biagio Mazzeo, ha detto di essere "convinto" di un legame diretto tra l'aggregato e la tossicità degli elementi che vengono fatti esplodere nella base della difesa e il cancro a Quirra  .

Ma il processo penale contro l'esercito si scontra con un ostacolo importante.

"Sfortunatamente, provare quello che chiamiamo un nesso di causalità - cioè un collegamento tra un incidente specifico e conseguenze specifiche - è estremamente difficile", ha affermato Mazzeo.

Cosa viene utilizzato nelle basi?

Una recente inchiesta parlamentare ha rivelato che 1.187 missili MILAN fabbricati in Francia erano stati sparati a Quirra.

Ciò ha focalizzato l'attenzione sul torio radioattivo come sospetto nella crisi sanitaria.

È usato nei sistemi di guida dei missili anticarro. L'inalazione di polvere di torio è nota per aumentare il rischio di cancro del polmone e del pancreas.

Un altro sospetto è l'uranio impoverito. L'esercito italiano ha negato l'utilizzo di questo materiale controverso, che aumenta la capacità di armare delle armi.

Ma questo è una briciola, secondo l'Osservatorio Militare, che fa campagne per il benessere dei soldati italiani.

"I poligoni di tiro della Sardegna sono internazionali", ha dichiarato Domenico Leggiero, capo del centro di ricerca ed ex pilota di aviazione.

"Quando un paese della NATO chiede di usare un raggio di terra o mare, non è tenuto a rivelare ciò che viene usato".


Qualunque cosa sia esplosa sui poligoni di tiro dell'isola, sono nanoparticelle fini mille volte più piccole di un globulo rosso che vengono incolpate per aver fatto ammalare le persone.

Queste cosiddette "nanoparticelle" sono una nuova frontiera nella ricerca scientifica.

Hanno dimostrato di penetrare facilmente attraverso il polmone e in un corpo umano.

L'ingegnere biomedico italiano Dott.sa Antonietta Gatti ha fornito le prove a quattro indagini parlamentari.

Ha suggerito un possibile collegamento tra la malattia e l'esposizione industriale alle nanoparticelle di alcuni metalli pesanti.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che un legame causale deve ancora essere stabilito in modo definitivo e occorre effettuare ulteriori ricerche scientifiche.

La Dr.sa Gatti ha detto che gli armamenti hanno il potenziale per generare pericolose nanoparticelle in polvere fine perché sono normalmente esplose o sparate a più di 3.000 gradi Celsius.

L'inchiesta conferma i nessi causali

In quella che è stata definita una "pietra miliare", dell'indagine parlamentare, durata due anni, sulla salute delle forze armate oltreoceano e nei poligoni di tiro ha fatto una scoperta.

"Abbiamo confermato il nesso causale tra l'esposizione inequivocabile all'uranio impoverito e le malattie sofferte dai militari", ha annunciato il capo dell'indagine, allora deputato del governo di centro-sinistra Gianpiero Scanu.

I militari militari italiani hanno respinto il report, e stanno combattendo per la loro reputazione internazionale nel tribunale di Lanusei per il poligono di Quirra, dove gli otto alti ufficiali sono sotto processo.

ABC comprende che i comandanti responsabili di un altro poligono di tiro nel sud della Sardegna a Teulada potrebbero presto essere accusati di negligenza mentre la polizia è in conclusione di  un'indagine che dura da due anni.

Finora i militari sono stati accusati di agire nell'impunità.

Ma presto arriverà  la  resa dei conti.

FONTE: https://www.abc.net.au/news/2019-01-29/sardinia-military-weapons-testing-birth-defects/10759614

TRADUZIONE DI VATURU(WALTER) ERRIU PER SA DEFENZA

https://sadefenza.blogspot.com/2019/01/il-processo-ai-militari-italiani.html


This post first appeared on Informazione Consapevole, please read the originial post: here

Share the post

Il processo ai militari italiani accende sospetti di legami tra i test sulle armi e le malformazioni alla nascita in Sardegna

×

Subscribe to Informazione Consapevole

Get updates delivered right to your inbox!

Thank you for your subscription

×